Granada

Granada

Canzone spagnola scritta nel 1932 dal compositore messicano.  Universalmente nota, Il testo parla della città andalusa di Granada, descritta come “terra da me sognata” con i suoi tori e le sue belle donne

Granada,

città del sole e dei fior,

il mio canto è l’ultimo addio

d’un nostalgico cuor!

Canterò

la mia canzon gitana!

Canterò

e con le lacrime

la terra ancor bacerò!

Addio, Granada,

paese di mille toreri!

Un lampo di spada

t’illumina al suon dei boleri!

Addio mantiglie,

sorrisi di bocche vermiglie,

addio chitarre sognanti,

sospiri d’amanti,

corride e canzon

di passion!

Addio, Granada,

addio, città dei gitani!

Dovunque io vada

per sempre nel cuor mi rimani!

Madonna morena,

lenisci la pena

di questo mio cuore zingaro!

Addio, Granada romantica,

paese di luce, di sangue e d’amor!

Madonna morena,

lenisci la pena

di questo mio cuore zingaro!

Addio, Granada romantica,

paese di luce, di sangue e d’amor!

 

 

Granada tierrasoñada por mí

Mi cantar se vuelve gitano

Cuando es para ti.

 Mi cantar hecho de fantasía

Mi cantar flor de melancolía

Queyo te vengo a dar.

Granada tierraensangrentada

En tardes de toros,

Mujerque conserva elembrujo

De los ojos moros.

Tesueñorebelde y gitana

Cubierta de flores

Y beso tu boca de grana

Jugosamanzana

Que me habla de amores.

Granada manolacantada

En coplaspreciosas,

No tengo otra cosa quedarte

Que un ramo de rosas.

De rosas de suavefragancia

Que le dieron marco a la virgen morena.

Granada tu tierra esta llena

De lindasmujeres

De sangre y de sol.

 

Universalmente nota, Il testo parla della città andalusa di Granada, descritta come “terra da mesognata” con i suoi tori e le sue belle donne.