La tabernera del puerto: “No puede ser”

La tabernera del puerto: “No puede ser”

Brano del genere musicale della Zarzuela, corrispondente nostra Operetta, sorta per intrattenere la famiglia reale spagnola fin dal XVII secolo ed il cui nome deriverebbe dal Real Sitio de la Zarzuela vicino a Madrid, tutt’ora fra le dimore dei regnanti.

Non può essere

Non può essere, quella donna è bella

Non può essere una donna brutta

Nei suoi sguardi, come una luce singolare

Ho visto che la donna è molto infelice

 

Nel suo sguardo, come una luce singolare

Ho visto che la donna è infelice

 

Non può essere una sirena ordinario

che ha avvelenato le ore della mia vita

Non può essere! Perché vi pregare

Perché ho visto accidentalmente

Perché ho visto piangere

 

Gli occhi che piangono non sanno mentire

le donne non sembrano così male

Tremando nei suoi occhi ed ho visto due lacrime

E mi emoziona a tremare per me

Tremare per me

 

La luce intensa del mio sogno

Pio sanno il mio amore

Perché non posso fingere

Perché non posso stare in silenzio

Perché non posso vivere

 

No puede ser

¡No puede ser! Esamujer es buena.

¡No puede ser una mujermalvada!

En su mirar, como una luzsingular,

he visto queesamujer es una desventurada.

 

No puede ser una vulgar sirena

queenvenenólashoras de mi vida.

¡No puede ser! Porque la vi rezar,

porque la vi querer,

porque la vi llorar.

 

Los ojosquelloran no saben mentir;

las malasmujeres no miranasí.

Temblando en susojosdoslágrimas vi

y a mí me ilusionaquetiemblen por mí,

quetiemblen por mí.

 

Viva luz de mi ilusión,

sé piadosa con mi amor,

porque no sé fingir,

porque no sé callar,

porque no sé vivir.