Musica Proibita

Musica Proibita

Romanza italiana composta nel 1881 dall’allora ventenne Stanislao Gastaldon,probabilmente durante il suo periodo di vita a Napoli.

 

Ogni sera di sotto al mio balcone

Sento cantar una canzon d’amore,

Più volte la ripete un bel garzone

E battere mi sento forte il core.

 

Oh quanto è dolce quella melodia,

Oh com’è bella, quanto m’è gradita!

Ch’io la canti non vuol la mamma mia:

Vorrei saper perchè me l’ha proibita?

 

Ella non c’è ed io la vo’ cantar

La frase che m’ha fatto palpitar;

 

“Vorrei baciare i tuoi capelli neri,

Le labbra tue e gli occhi tuoi severi,

Vorrei morir con te, angel di Dio,

O bella innamorata, tesor mio.”

 

Qui sotto il vidi ieri a passeggiar

E lo sentiva al solito cantar:

 

“Vorrei baciare i tuoi capelli neri,

Le labbra tue e gli occhi tuoi severi;

Stringimi, o cara, stringimi al tuo cor

Fammi provar l’ebbrezza dell’amor.”