Voce è Notte

Voce è Notte

Canzone napoletana del 1903.

Un uomo sotto il balcone dell’amata dichiara il suo sentimento, sebbene lei sia già impegnata con un altro, che dorme al suo fianco.

Il testo è autobiografico: il paroliere 25enne si era invaghito di Anna Rossi, la quale andò in sposa al 75enne Pompeo Corbara. Dopo la morte di quest’ultimo Edoardo Nicolardi  poté infine prendere la ragazza come moglie.

 

Voce ‘e notte

Si ‘sta voce te scéta ‘int’ ‘a nuttata,

mentre t’astrigne ‘o sposo tujo vicino…

Statte scetata, si vuó’ stáscetata,

ma fa’ vedécaduorme a suonno chino…

Nunghí vicino ê llastre pe’ fá ‘a spia,

pecchénunpuó’ sbagliá ‘sta voce è ‘a mia…

E’ ‘a stessa voce ‘e quanno tutt’e duje,

scurnuse, nceparlávamo cu ‘o “vvuje”.

 

Si ‘sta voce te canta dint”o core

chellocanun te cerco e nun te dico;

tutt”o turmiento ‘e nu luntano ammore,

tutto ll’ammore ‘e nu turmiento antico…

Si te vènena smania ‘e vulé bene,

na smania ‘e vasecórrere p’ ‘e vvéne,

nu fuoco che t’abbrucia comm’a che,

vásate a chillo… che te ‘mporta ‘e me?

 

Si ‘sta voce, che chiagne ‘int’ ‘a nuttata,

te sceta ‘o sposo, nunavé paura…

Vide ch’è senza nomme ‘a serenata,

dille ca dorme e che se rassicura…

Dille accussí: “Chi canta ‘int’a ‘sta via

o sarrá pazzo o more ‘e gelusia!

Starráchiagnennoquacche ‘nfamitá…

Canta isso sulo… Ma che canta a fá?!…”

 

Starráchiagnennoquacche ‘nfamitá…

Canta isso sulo… Ma che canta a fá?!…”

…Voce e notte te scetadint’ a nuttata… è a voce mia… oe.